come migliorare la calligrafia

come migliorare la calligrafia

Posted On 28 Aprile 2020

Di solito, quando si pensa a scrivere una nota a mano, ci si immagina facendolo in corsivo. Forse perché abbiamo visto tanti di quei film ambientati nel passato dove quando aprono una lettera è scritta in corsivo. E sempre con una bella calligrafia.

Comunque sia, so che molte persone sono convinte di avere una brutta calligrafia, al punto di essere illeggibile. Quando riceviamo delle lettere, iniziano spesso con “Scusatemi per la brutta calligrafia, questa è la prima volta che scrivo in corsivo sin dalle scuole.”

Con le scuole che spendono sempre meno tempo sulla calligrafia, ed il fatto che usiamo quasi esclusivamente una tastiera per comunicare, è facile capire perché molte persone non sono impratichite nel scrivere a mano.

E’ facile pensare che il declino della scrittura a mano non sia un vero problema, ma c’è un numero sorprendentemente alto di persone che desiderano avere una scrittura più bella. E ci sono anche alcune ragioni dove avere una bella calligrafia può tornare utile. Oggi ne parleremo qui e ti daremo anche dei suggerimenti su come migliorare la calligrafia.

Tira fuori la tua penna migliore, ed iniziamo.

L’ascesa e la caduta della calligrafia in corsivo

Sin da quando è stata inventata la scrittura, c’è stata una classe di individui che si specializzavano nella scrittura. Ed ogni secolo ha avuto il suo stile. I monaci del VIII Secolo scrivevano in Carolingio con le sue lettere in grassetto e facilità di lettura. Durante il Medioevo la scrittura Carolingia ha ceduto il passo alla più indecifrabile “lettera nera”.

Con il Risorgimento, i scribi e gli scrittori sono passati di nuovo allo stile Carolingio, ma facendolo apparire più ornato e connettendo alcune lettere. Siccome questo stile è nato qui in Italia, ha preso il nome di Italico.

Corsivo Italico

Il XVI Secolo ci porta uno stile ancora più ornato che porta il nome di Copperplate, chiamato così perché gli studenti usavano dei piatti di rame incisi per imparalo. Il Copperplate incorpora ogni tipo di fraseggi e lettere capitali, e fu usato per scrivere la dichiarazione d’indipendenza americana.Ma torniamo velocemente ai giorni nostri. Molte scuole non insegnano più a scrivere in corsivo. Forse si pensa che non è più necessario in un mondo governato da computer, tablet, e smartphone.

Perché dovresti scrivere a mano e migliorare la tua calligrafia

Anche se ormai comunichiamo quasi esclusivamente con sistemi digitali, penso che non dovremmo abbandonare il corsivo in modo definitivo, e quindi dovremmo migliorarlo. Ma vediamo il perché:

Scrivere le cose a mano ti rende più intelligente. Una ricerca ha dimostrato che scrivere le cose a mano aiuta l’apprendimento generale. Uno studio dell’Università dell’Indiana ha scannerizzato il cervello di un gruppo di bambini di 4/5 anni ed ha scoperto che l’attività neurale era praticamente la stessa. I ricercatori hanno poi diviso il gruppo in due, ad un gruppo sono state mostrate delle lettere chiedendogli di riconoscerle visivamente, all’altro gli è stato insegnato a scriverle.

Scannerizzando nuovamente i loro cervelli hanno scoperto che l’attività neurale era drammaticamente differente tra i due gruppi. Il gruppo che doveva solo visualizzare le lettere non aveva subito cambiamenti, mentre quello che aveva imparato a scrivere le lettere mostravano un’attività “da adulti” mentre leggevano.

I ricercatori credono che c’è qualcosa nel manipolare e disegnare forme bidimensionali (come le lettere) che aiuta nella comprensione. Altri studi hanno dimostrato gli stessi risultati con soggetti adulti.
Ed ancora, altri studi hanno mostrato che ci sono benefici cognitivi associati allo scrivere in corsivo, come un miglioramento nella lettura, cosa che non ottieni se scrivi in stampatello.

Scrivere con penna e carta è conveniente. Anche se ho delle utili app sul telefono per prendere delle note, non c’è paragone col farlo su un taccuino. Con il cellulare, devo inserire il PIN, navigare in cerca dell’app, e scrivere la nota usando quella mini tastiera. Anche con il riconoscimento vocale, a volte può essere frustante. Con un taccuino ed una penna, devi solo scrivere.Ma se la mia scrittura fa così pena da non poterla leggere, ecco che scrivere a mano risulterebbe inutile.

La penna e la carta non necessitano batterie. Parte della convenienza sta nel fatto che non hai bisogno di batterie, non  devi preoccuparti di quanta carica ti è rimasta.Scrivere in corsivo è semplice. Scrivere in corsivo è molto meno faticoso. Ricorda, una delle ragioni per cui è stato inventato il corsivo era per rendere le ore ed ore di scrittura meno faticose per la mano. Si può riuscire a scrivere per ore in corsivo senza avere crampi.

Scrivere a mano rende i tuoi messaggi più personali. Anche se ti viene insegnato uno stile di scrittura, col tempo svilupperai un tuo corsivo univoco, comprensivo della tua personalità. Eco perché quando scriverai una lettera a qualcuno, quella persona sarà in grado di vederti attraverso la tua scrittura. Quando ricevi delle note da tuo nonno, dai genitori, o dalla persona che ami, riconosci immediatamente il loro stile, che scatena un sentimento di calore e di connessione.

E questo non succede con le email o con i messaggi.Inoltre, scrivere a mano ti consente di trasmettere emozioni, cosa che non puoi fare con un computer. Per esempio, se siamo arrabbiati abbiamo la tendenza di premere più a fondo sulla carta con la penna e di scrivere più in fretta. Il tuo messaggio apparirà più scuro.Frasi emozionali come “ti amo” escono fuori più genuine in corsivo che in digitale. Forse perché sappiamo che è stata un’azione reale, invece che un spingere qualche tasto, magari col T9 che ti suggerisce.

Il corsivo è semplicemente più bello a vedersi. Una ragione superficiale, lo so, ma una vera lettera scritta in un bel corsivo è semplicemente più bella.

Le persone giudicano la qualità delle tue idee basandosi sulla qualità della tua scrittura. Questo è in relazione col punto precedente. Uno si aspetta che le tue idee siano giudicate in base al loro contenuto e non su come si presentano, ma non è così. Uno studio ha dimostrato che una scrittura migliore influisce sul voto fino all’84%! Se vuoi avere un voto migliore sul tuo prossimo esame senza dover studiare di più sull’argomento, devi solo migliorare la tua calligrafia. Scrivi il tuo esame in un bel corsivo.

Conoscendo il corsivo puoi leggere documenti storici. Una ragione importante per i bambini, imparare a leggere il corsivo gli permetterà di leggere documenti antichi o lettere vecchie di una o due generazioni. Se non glielo insegnano a scuola, lo potrete fare voi a casa.

E’ meditativo. C’è una sorta di sincronizzazione tra continui movimenti della mano ed i pensieri. Sensazioni che non si possono avere mentre si digita sulla tastiera. Hai sempre la tendenza a premere Cancella se la frase non è uscita come la vorresti. Con la penna si passa meno tempo a giudicare quello che si è scritto e più tempo a pensare bene cosa scrivere, assaporando tutto il processo.

Come migliorare la tua calligrafia

Ti abbiamo inspirato a prendere in mano una penna? Qui sotto ci sono alcuni suggerimenti che ti aiuteranno. C’è poco da fare, l’unico modo per migliorare la propria calligrafia è facendo pratica tutti i giorni.

Un viaggio in punta sottile, di Barbara Calzolari

Compra un libro Corso di Calligrafia. Qui riceverai alcuni consigli utili per migliorare la tua scrittura, ma possiamo arrivare fino ad un certo punto, il modo migliore per farlo è attraverso un libro-corso che abbia esercizi giornalieri. Uno dei migliori su cui ho posato gli occhi è Corso di calligrafia. Dalla matita al pennello. Un viaggio in punta sottile, di Barbara Calzolari. Il volume tratteggia a grandi linee i momenti storici caratterizzati dai vari stili calligrafici e offre tantissimi esercizi con le dovute illustrazioni, per cominciare immediatamente a fare pratica.

Ma si possono trovare anche dei corsi online (gratis). Ecco un esempio dei suoi consigli:

Riguarda le lettere. Se sono passati secoli dall’ultima volta che hai scritto in corsivo, forse è il caso che dai di nuovo un’occhiata a come vanno scritte. Puoi cercare online o attraverso un libro-corso.

Come tenere la penna

Tieni la penna correttamente. La tua calligrafia non raggiungerà mai il suo pieno potenziale se non tieni la penna nel modo giusto. Afferra la penna in modo che si appoggi sul dito medio e tienila ferma con il pollice e l’indice, come mostrato in figura. Mantieni una presa leggera. Se la punta delle dita diventa bianca significa che stai stringendo troppo. Una presa troppo stretta farà solo stancare la mano, ed una calligrafia rigida ed artificiale.

Come posizionare il foglio

Posiziona il foglio correttamente. Posizionare il foglio correttamente è una parte essenziale del processo. Se sei destro, l’angolo in alto a destra ed in basso a sinistra del foglio devono formare una linea che va dritta al tuo naso. La mano sinistra tiene il foglio fermo.

Se sei mancino, fai esattamente l’opposto. Se sei mancino e ti sei abituato a scrivere nella posizione a gancio, tieni il foglio quasi in verticale, sarà più confortevole per lunghe sessioni di scrittura.Questa posizione facilita l’inclinazione delle lettere che dovrebbe essere verso destra e di circa 35°. Se la posizione descritta sopra non aiuta in questo senso, sposta leggermente il foglio fino a che lo fa.

Rimani nella zona di scrittura. La zona di scrittura sono quei 10-15 cm tra le tue mani quando si trovano nella posizione descritta sopra. La mano con cui scrivi si dovrà posizionare in quest’ area.Il problema arriva quando comincerai a scrivere muovendo la mano da sinistra verso destra e verso il basso mentre vai a capo, uscendo dalla zona di scrittura.

Invece di contorcere il braccio, la mano, o il corpo, per continuare a scrivere devi semplicemente muovere il foglio verso l’alto con la mano che tiene il foglio. In questo modo non uscirai mai dalla zona di scrittura.
Spostando il foglio verso l’alto, invece del corpo o della mano, rimarrai in una posizione confortevole, il che porta ad una migliore calligrafia.

Mantieni il tutto leggero e spazioso. Un errore comune è quello di fare troppa pressione sul foglio. Questo porta solo ad una brutta scrittura e nello stesso tempo ad affaticare la mano. Non c’è bisogno di applicare troppa pressione con la penna.

Focalizzati invece nel tenere il tutto leggero e spazioso. Per aiutarti in questo, mentre stai facendo una curva, pensa che è parte di un ovale. Per esempio mentre scrivi una “a”, anche se non stai veramente facendo un ovale, visualizza l’ovale di cui la curva della “a” possa far parte.Questa tecnica di visualizzazione ti può aiutare a scrivere le lettere in modo semplice ed uniforme tra loro, la conseguenza è una scrittura migliore.

Esercizi. Un’altra cosa che ti aiuterà molto è quella di fare degli esercizi quotidiani. Questi esercizi alleneranno i muscoli che usi quando scrivi.

Ecco alcuni esercizi che puoi fare:

Ovali consecutivi iniziando dall’alto:

Ovali consecutivi iniziando dal basso:

Curve consecutive:

Mentre fai questi esercizi devi focalizzarti sul mantenere un tocco leggero. Non fare pressione con la penna.

Per le lettere capitali muovi l’intera mano ed il polso, per le minuscole muovi solo le dita. La maggior parte delle persone ha la tendenza di muovere solo le dita mentre scrive. Questo porta a crampi sia alle mani che alla tua calligrafia. Per evitarlo, usa sia l’intera mano che le dita. Per le lettere capitali usa l’intera mano, mentre per le minuscole bastano le dita. Potrai così scrivere più a lungo senza stancarti e produrrai una calligrafia più graziosa.

Non scrivere veloce. Quando parli troppo veloce le persone fanno fatica a comprenderti. La stessa cosa vale per la scrittura. Se scrivi veloce, la tua calligrafia diverrà sempre più illeggibile. Non avere fretta, focalizzati su ogni lettera. Con l’esperienza arriverà anche un pò di velocità.

Allenati per 20 minuti al giorno. Come tutto nella vita, la chiave per migliorare la tua calligrafia è con la pratica. Regalati almeno 20 minuti al giorno per allenarti. Inizia con 5 minuti di esercizi di movimento, ed il resto del tempo focalizzati su una lettera. Meglio ancora, segui il piano di allenamento di un vero libro sulla calligrafia.

Un altro modo per fare pratica è quello di scrivere più spesso le cose a mano. Invece di prendere note con il cellulare, usa carta e penna.

Written by jhxxedorutw

Related Posts

come lasciare una ragazza

come lasciare una ragazza

"Lo stato di Matteo è cambiato da Fidanzato a Single :(." La prima volta che l'ho visto su Facebook sono rimasto basito. Non solo Matteo era appena stato lasciato, ma doveva anche confrontarsi con la nuova realtà sociale, dove il suo stato viene condiviso in tempo...

olio per barba fai da te

olio per barba fai da te

olio per barba fai da te (tutorial)Così come ti prendi cura del malloppo di peli che hai sulla testa, dovresti fare la stessa cosa con quelli sotto il livello del naso. A tal proposito di consiglio di leggere anche questo articolo: come sistemare la barba. E questo...

james bond martini agitato non mescolato

james bond martini agitato non mescolato

James Bond martini agitato non mescolato Tutorial passo passoUna delle frasi che non sono mai cambiate in un James Bond è "agitato, non mescolato." Ma, esattamente, cosa c'è in questo cocktail? Molti di noi sanno che è un Martini con qualcos'altro, ma questo cocktail...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This