guida alle scarpe da barca

guida-alle-scarpe-da-barca

Posted On 10 Aprile 2019

Nel 1930, Paul Sperry, ex marinaio, avido avventuriero, e disegnatore di anatre da richiamo, si comprò una vecchia goletta che rimise a posto, pronta per navigare. Mentre navigava intorno a Long Island, si accorse che il ponte della barca era molto scivoloso quando era bagnato.

Dopo una spettacolare caduta a mare, Sperry si decise a trovare una soluzione. La sua prima idea fu quella di aumentare l’aderenza del ponte ridipingendolo con una spolverata di sabbia smerigliata. Questo aiutò l’attrito ma, come lui stesso affermò: “se qualsiaisi parte del corpo veniva in contatto con il ponte era come strofinarsi con della carta vetrata”.

Così, ribaltando l’equazione, Sperry decise di migliorare l’attrito delle scarpe che indossava.

Le varie suole di gomma davano buoni risultati, ma dopo centinaia di prove, nessuna di loro aveva la “presa” che Sperry desiderava. Poi, un giorno, Sperry notò come il suo cane si muoveva agilmente sul ghiaccio e gli si illuminò una lampadina.

Afferrò la zampa del cane per esaminarla e vide che le fessure e le scanalature della zampa offrivano una naturale superficie anti-scivolo.

 

Sopra, disegno originale dal brevetto di Sperry.

Sperry decise di provare qualcosa di simile sulle sue scarpe, ed aiutandosi con un coltellino a serramanico, fece degli intagli a spina di pesce sulla suola. Il disegno risultò ottimo, e Sperry dipinse anche la suola di bianco per non lasciare dello sporco sul ponte della sua goletta.

La scarpa di Sperry debuttò nel 1935 e subito prese piede tra i marinai e gli skipper di New England e oltre. Nel 1939 la Marina Statunitense contattò Sperry e le sue scarpe divennero parte integrante dell’uniforme casual della Naval Academy.

Nel corso del XX secolo, oltre a quella di Sperry, anche altre compagnie cominciarono a creare quelle che vengono chiamate scarpe da barca. Ormai sono molto diffuse e calzate non solo da marinai.

Oggi, questo tipo di scarpa merita un posto nel guardaroba di un uomo, e con questa guida completa alle scarpe da barca, scoprirai come indossarle con stile.

perché indossare una scarpa da barca?

Nel periodo estivo, non ci sono molti modelli di scarpe da uomo tra cui scegliere. Specie se vuoi stare leggero e senza calzini. E specialmente se indossi dei pantaloncini!

Si, ci sono le scarpe da ginnastica, ma con quelle non guadagni in stile. Ci sono le flip-flops, che sinceramente non considero scarpe da adulto. E poi ci sono le scarpe da barca.

Sono scarpe leggere, hanno stile, e possono essere abbinate facilmente a diversi vestiti. In più, sono molto confortevoli. Non solo sono belle al vedersi, ma sono molto funzionali. Le puoi indossare in acqua, e anche se non sei su uno yacht, sono tra le migliori scarpe anti-scivolo, il che significa che puoi camminare tranquillamente su qualsiasi superficie, sanpietrini bagnati, scogli…

Molti vantaggi, ma le scarpe da barca subiscono anche delle critiche.

Ci sono quelli che dicono che queste scarpe appartengono solo al mondo delle barche. Ma se un uomo dovesse togliere dal guardaroba tutte le cose originalmente create per altro dovrebbe disfarsi di pantaloni color cachi (creati come uniformi per soldati), orologi (creati per sincornizzare gli attacchi militari), giacca da marinaio (appunto, per i marinai), jeans e stivali da lavoro.

Sono così tante le cose che indossiamo che hanno origini diverse, che questi critici dovrebbero andare in giro nudi. 

E poi ci sono quelli che dicono che le scarpe da barca sono troppo da “figli di papà”. E’ vero che queste sono scarpe usate molto dai “sangue blu”. Ma anche se tu non hai uno yacht, non significa che non puoi indossarle con stile (come vedremo tra poco, vanno abbinate con i vestiti giusti).

Messe da parte le critiche, vediamo cosa sono le scarpe da barca, e come indossarle.

cosa sono le scarpe da barca?

Le scarpe da barca sono tipo mocassini e si distinguono per il loro taglio basso, e una suola di gomma, pulita, morbida e anti-scivolo, lacci che percorrono anche i lati della scarpa, quest’ultima configurazione ti dà la possibilita di stringere od allargare l’intera scarpa, a seconda delle necessità.

Le scarpe da barca possono essere sia di tela che di pelle, quest’ultima (trattata per essere idro-repellente) è di gran lunga la più tradizionale, anche i lacci generalmente sono di pelle.

come scegliere le scarpe da barca?

Le scarpe da barca non si distinguono molto tra di loro, quindi la scelta ricade sia su piccole sottigliezze, sia su fattori come:

Materiale – scegli una in pelle, è più duratura e più sciccosa di quelle in tela. Oltre ad essere più facile da abbinare con i vestiti.

Colore – Oggi puoi trovare le scarpe da barca con una gran varietà di colori, ma il migliore (e classico) è il marrone scuro. Sta prendendo molto piede anche il Navy Blu, che sta molto bene con pantaloni grigi, cachi, ma non con i blu jeans (vedi foto).

Misura – Le scarpe da barca ci mettono un pò ad adattarsi al piede, quindi non aspettarti che siano comode quando sono ancora nuove. Detto questo, la misura è molto importante, specie perchè sono scarpe che puoi indossare senza calzini.

Dovresti comprare scarpe della tua misura, ma sarebbe meglio se le senti un pò più strette (mezza misura in meno del tuo solito). Questo perchè col tempo tendono ad allungarsi. Ancor di più se intendi indossarle a piedi nudi. In questo caso fai attenzione che il calcagno non si muova troppo, onde evitare il formarsi di vesciche.

Marchio/Prezzo – Sperry vende ancora le scarpe da barca originali, ancora fedeli al primo modello. anche se ora sono importate, e qualche cliente si lamenta del fatto che col tempo hanno perso in qualità e resistenza all’acqua.

Le Sebago Dockside sono un’altro marchio molto conosciuto, anche queste importate e allo stesso livello di prezzo delle Sperry, ma per alcuni la qualità è leggermente migliore.

Eastland, Timberland e Lumberjack fanno delle decenti scarpe da barca.

Personalmente, ci sono volte in cui preferisco spendere un pò di più per qualcosa che duri nel tempo, ma in questo caso ho preferito le originali di Sperry. Una scelta più usa e getta perchè quando indossi scarpe di pelle, d’estate e senza calzini, possono diventare un pò puzzolenti (ma c’è un modo per risolvere il problema dell’odore, vedi sotto).

Alle scarpe da barca non si può cambiare la suola, una volta che si è deteriorata, sono “belle che andate”. Quindi preferisco delle scarpe con meno qualità, ma da battaglia. Che magari durino 2 o 3 anni.

I prezzi delle scarpe da barca variano dai €50 ai €300, la mia raccomandazione è di prendere qualcosa sui €100, un buon compromesso tra qualità e prezzo.

come ammorbidire le scarpe da barca?

Come ho già detto, le scarpe da barca ci mettono un pò ad adattarsi al piede, ci può volere una settimana, come un mese, molto dipende da quanto le usi. Ma una volta che hanno preso forma sono e rimarranno molto confortevoli.

Quando le tiri fuori dalla scatola, passa il dito sulla pelle e se senti dei punti un pò duri, massaggiali con le dita im modo da ammorbidirli. Sia all’esterno che al’interno della scarpa.

Il mio consiglio è di indossarle per brevi periodi, almeno all’inizio (magari a casa), per poi uscire di casa e portarle ai piedi per più tempo.

Per accellerare il processo, alcune persone le immergono completamente in acqua, asciugano tutta l’acqua in eccesso (potrebbero scoprire che il colore è cambiato), e se le mettono ai piedi fino a che non si sono completamente asciugate (non cercare di asciugarle artificialmente, tipo con un asciugacapelli). Le fibre della pelle bagnata si allungano per poi restringersi sul piede quando si asciugano. Non ho mai provato personalmente questo metodo quindi non posso confermare se funziona o no.

cose da fare e non con le scarpe da barca

Le scarpe da barca possono essere una parte fondamentale del tuo guardaroba estivo, per feste in piscina, picnic, barbeque, appuntamenti, ristoranti all’aperto, raduni sulla spiaggia. L’importante è sapere quali sono le cose da fare e le cose da non fare con le scarpe da barca!

COSE CHE SI POSSONO FARE

Indossale solo nelle stagioni calde. Le scarpe da barca sono perfette da abbinare con pantaloni leggeri e pantaloncini. Per il fatto che lasciano molto del piede allo scoperto, non sono adatte a periodi freddi o ad essere accostate a pantaloni di tessuto spesso.

Mettile con vestiti casual. Semplicemente perché le scarpe da barca sono calzature casual. Ma rispetto a delle scarpe da ginnastica, le scarpe da barca alzano un pò il livello, quindi non indossarle insieme ad una semplice T-shirt/Jeans, ma fallo con una Polo, con una camicia, dei jeans carini, cachi o pantaloni corti.

Puoi persino indossarle con una giacca, se il resto degli elementi dà sul casual. Se invece è un evento da cravatta, lascia le scarpe da barca nell’armadio.

Indossale con i giusti pantaloni. Le scarpe da barca danno il meglio con i pantaloncini, pantaloni cachi o jeans stretti. Pantaloni larghi e mocassini, assolutamente no.

Il colore delle scarpe dovrebbe contrastare quello dei pantaloni, con quest’ultimi che dovrebbero essere più scuri. Un altro no sono scarpe beige e pantaloni chiari!

I pantaloni dovrebbero far vedere almeno le caviglie, altrimenti sembra che indossi dei semplici mocassini.

Prova a legare i lacci in diversi modi. Primo perché allacciando sempre negli stessi punti i lacci possono rovinarsi col tempo, e secondo perché diverse legatura cambiano l’aspetto di una scarpa. Se non sai come, qui puoi trovare 5 modi diversi per legare i lacci delle scarpe da barca.

Precauzioni contro il cattivo odore. Se indossi le scarpe da barca spesso, e magari senza calzini, i tuoi piedi suderanno parecchio. Di conseguenza le scarpe cominceranno ad emanare cattivi odori. Prova a mitigare i cattivi odori seguendo questi consigli.

COSE DA NON FARE CON LE SCARPE DA BARCA

Portarle in ufficio. Neanche se in ufficio è consentito vestire casual. Semplicemente, sono scarpe che dicono “divertimento e dopo-lavoro”.

Indossarle con calzini. Sia per la loro eredità marina, sia perché qualsiasi scarpa abbinata a dei pantaloncini sta male con i calzini. Ma se hai problemi di sudorazione, puoi sempre usare i fantasmini

Ma come ho detto prima, anche se una cosa è stata creata in un modo, non significa che bisogna per forza sottostare a quella regola. Puoi indossare dei calzini, ma che siano scuri e magari se indossi pantaloni lunghi.

Per me, le scarpe da barca vanno indossate senza calzini.

Cerca di non sembrare un figlio di papà. Queste scarpe vengono facimente associate a gente ricca e snob, ma non deve essere per forza così. Evita magliette a strisce orizzontali, polo color pastello, giacca sopra e pantaloncini sotto. Evita un accento altisonante e dovrebbe andar bene.

Written by jhxxedorutw

Related Posts

come migliorare la calligrafia

come migliorare la calligrafia

Di solito, quando si pensa a scrivere una nota a mano, ci si immagina facendolo in corsivo. Forse perché abbiamo visto tanti di quei film ambientati nel passato dove quando aprono una lettera è scritta in corsivo. E sempre con una bella calligrafia. Comunque sia, so...

come lasciare una ragazza

come lasciare una ragazza

"Lo stato di Matteo è cambiato da Fidanzato a Single :(." La prima volta che l'ho visto su Facebook sono rimasto basito. Non solo Matteo era appena stato lasciato, ma doveva anche confrontarsi con la nuova realtà sociale, dove il suo stato viene condiviso in tempo...

olio per barba fai da te

olio per barba fai da te

olio per barba fai da te (tutorial)Così come ti prendi cura del malloppo di peli che hai sulla testa, dovresti fare la stessa cosa con quelli sotto il livello del naso. A tal proposito di consiglio di leggere anche questo articolo: come sistemare la barba. E questo...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This